Prendono il via 12 progetti bandiera

07 gennaio 2011

ROMA – Arrivano i primi 12 tasselli del programma nazionale di ricerca. Uno per ogni progetto bandiera che il Miur ha avviato amministrativamente a fine 2010 e che conta di continuare a finanziare nell’anno appena iniziato. Nucleare, aerospazio e biotecnologie i settori considerati “core” da viale Trastevere.
Come noto, il Pnr 2010-2012 – lo strumento triennale che serve a coordinare gli interventi in tema di ricerca messi in campo dai vari dicasteri e dalle diverse regioni per centrare il target dell’1,53% degli investimenti sul Pil imposto dal Europa 2020 – non è mai stato vagliato dal Cipe. L’obiettivo del ministro Gelmini è di riuscirci il prima possibile in modo da arrivare al sì definitivo in consiglio dei ministri. Lo scoglio era e resta il monte risorse complessivo da impegnare che va determinato rispettando i saldi di finanza pubblica.

Ma le priorità su cui concentrarsi sono state definite da mesi. Proprio nel loro ambito sono stati scelti i 12 progetti da avviare. Il “la” amministrativo – spiega il direttore generale per la ricerca, Antonio Agostini – è stato dato con il decreto di riparto del fondo di finanziamento 2010 per gli enti di ricerca, che è alla registrazione della corte dei conti e la cui dote è stata incrementata di 127 milioni rispetto all’anno precedente per «migliorare il rapporto tra le spese di funzionamento e l’investimento nei progetti di ricerca». Dal 1° gennaio il 7% delle risorse (circa 120 milioni) degli enti andrà assegnata su base meritocratica o su progetti realizzati congiuntamente agli enti stessi. A cui si aggiungerà un altro 8% (più o meno 140 milioni) per assicurare continuità ai progetti bandiera.

Nucleare
Uno dei settori indicati come prioritari dallo stesso ministro Mariastella Gelmini è il miglioramento della formazione in campo nucleare viste le scelte energetiche fatte dall’esecutivo. Al fine di ricreare le competenze tecniche e universitarie, studiare la costruzione dei reattori di nuova generazione e approfondire il tema dello smaltimento dei rifiuti pericolosi sono stati pianificati investimenti per 40 milioni di euro in tre anni.

Aerospazio
Più cospicua la dote che si vorrebbe destinare alla ricerca aerospaziale. Per la costruzione di due nuovi satelliti da usare nell’ambito del progetto “Cosmo-Skymed II generation” sono stati già budgetizzati nel bilancio dell’Agenzia spaziale italiana (Asi) 600 milioni spalmati sull’arco di sei anni. Il sistema verrà utilizzato tanto per scopi militari quanto per finalità civili e commerciali.

Biotecnologie
Corposo è anche il menù degli interventi in tema di biotecnologia. Uno di quelli a cui la responsabile dell’Istruzione tiene di più riguarda l’«epigenomica». Approfondendo in tandem con centri di ricerca e industria gli studi sul Dna e l’Rna si punta ad individuare nuovi marker da utilizzare nella lotta alle malattie genetiche. per un esborso quantificato in 30 milioni in tre anni.

Gli altri progetti
Passando alla fisica appare degno di nota l’acceleratore di nuova generazione per elettroni e positroni “Super B factory” da utilizzare sia per la ricerca di base che per quella industriale. L’investimento programmato insieme ai partner europei vale circa 650 milioni in sei anni. Di questi 250 faranno capo all’Italia.
Per un paese che conta 8mila chilometri di costa il ministero considera fondamentale anche il progetto “Ritmare”, rivolto alla tematica marina nel suo complesso: dalla pesca sostenibile alla gestione delle fasce costiere fino alla costruzione di navi oceanografiche. Per riuscirci andranno appostati 450 milioni in un quinquennio.

NELL’AGENDA DELLA RICERCA

1 Formazione universitaria e tecnica sul nucleare
Una delle priorità è il miglioramento della formazione in campo nucleare. Al fine di ricreare le competenze tecniche e universitarie, studiare la costruzione dei reattori di nuova generazione e approfondire il tema dello smaltimento dei rifiuti pericolosi sono stati pianificati investimenti per 40 milioni di euro in tre anni

2 Due nuovi satelliti per fini militari e civili
Nel campo delle biotecnologie spiccano le iniziative sull’«epigenomica». Lavorando in tandem con centri di ricerca e industria si punta ad approfondire gli studi sul Dna e l’Rna al fine di individuare nuovi marker da utilizzare nella lotta alle malattie genetiche per un esborso quantificato in 30 milioni in tre anni

3 Studi approfonditi sulle malattie genetiche
pIl Miur, insieme al ministero dell’Ambiente, ritiene fondamentale anche il progetto “Ritmare”, rivolto alla tematica marina nel suo complesso: dalla pesca sostenibile alla gestione delle fasce costiere fino alla costruzione di navi oceanografiche. Il costo stimato è di 450 milioni in un quinquennio

4 Potenziamento delle risorse marine
Per la costruzione di due nuovi satelliti da usare nell’ambito del progetto “Cosmoskymed II generation” sono stati già inseriti nel bilancio dell’Agenzia spaziale italiana (Asi) 600 milioni che saranno spalmati sull’arco di sei anni. Il sistema verrà utilizzato tanto per scopi militari quanto per finalità civili e commerciali

Fonte: Il Sole 24 Ore

Altri link: Pagina del PNR 2010-2012 dal sito del MIUR

Un pensiero su “Prendono il via 12 progetti bandiera

  1. Non ci sono sostanziali novità, in effetti il PNR deve essere sottoposto al vaglio del CIPE già da diversi mesi. Certo, la rinnovata pressione del MIUR e del Ministro Gelmini per ottenere l’approvazione del Piano (ovvero, per reperire le risorse necessarie) è sicuramente un elemento molto importante.

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo di WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione /  Modifica )

Google photo

Stai commentando usando il tuo account Google. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione /  Modifica )

Connessione a %s...

Questo sito utilizza Akismet per ridurre lo spam. Scopri come vengono elaborati i dati derivati dai commenti.