Pubblicate in Gazzetta Ufficiale le modifiche al Regolamento di funzionamento del CNR relative agli assegni di ricerca

IL PRESIDENTE

Visto il  decreto legislativo 4 giugno 2003, n. 127, recante disposizioni sul «Riordino del Consiglio nazionale delle ricerche»;
Visto il decreto legislativo 31 dicembre 2009, n. 213, recante «Riordino degli enti di ricerca in attuazione dell’art. 1 della legge 27 settembre 2007, n. 165»;
Vista la legge del 9 maggio 1989, n. 168 ed in particolare l’art. 8, comma 4;
Visto il Regolamento di organizzazione e funzionamento (ROF) del Consiglio nazionale delle ricerche  approvato  con decreto del presidente del CNR prot. 0025033 in data 4 maggio 2005, pubblicato nella Gazzetta Ufficiale n. 124 del 30 maggio 2005 –  supplemento ordinario n. 101;
Visto in particolare l’art. 47 del ROF, che dispone al comma 4 in ordine agli assegni per la collaborazione all’attivita’  di ricerca secondo le modalita’ temporali di cui all’art. 51, comma 6 della legge 27 dicembre 1997 n. 449;
Vista la legge 30 dicembre 2010, n. 240, recante «Norme in materia di organizzazione delle  universita’, di  personale accademico e reclutamento, nonche’ delega al Governo per incentivare la qualita’ e l’efficienza del  Sistema universitario italiano», pubblicata nel supplemento ordinario alla Gazzetta Ufficiale n. 10 del 14 gennaio 2011;
Visti in particolare, l’art.  22,  recante nuove disposizioni in materia di conferimento degli assegni di ricerca, applicabili anche agli enti pubblici di ricerca, e l’art. 29, comma 11, lettera d), che abroga espressamente il richiamato art. 51, comma 6  della legge  27 dicembre 1997, n. 449;
Vista  la deliberazione n. 28/2011 adottata dal consiglio di amministrazione del CNR in data 9 febbraio 2011, relativa: (a) alla
modifica dell’art. 47, comma 4 del ROF, per  allinearne  il  disposto alla nuova normativa, nonche’ (b) all’aggiornamento del disciplinare concernente il conferimento di assegni per lo svolgimento di attivita’ di ricerca;
Ritenuto  che  la  parte  della  citata  deliberazione  n.  28/2011 relativa alla modifica regolamentare di cui sub (a) deve seguire  la procedura di controllo di competenza del Ministero  dell’istruzione, dell’universita’ e della ricerca (MIUR);
Vista la nota n. 202 del MIUR,  in data 2  marzo 2011, relativa all’approvazione della modifica regolamentare di cui sopra;
Ritenuto di provvedere alla emanazione della modifica statutaria de qua;

Emana:

1. La modifica dell’art. 47, comma 4 del ROF del  CNR  nei  termini seguenti:
«4. L’assegno di ricerca ha una durata compresa tra uno e tre anni e, a seguito di eventuali rinnovi, non  potra’  comunque avere  una durata complessiva superiore a quattro anni, ad esclusione del periodo in cui l’assegno e’ stato fruito in coincidenza con il dottorato di ricerca, nel limite massimo della durata legale del relativo corso»;
2. La predetta modifica e’ pubblicata nella Gazzetta Ufficiale della Repubblica italiana ai sensi dell’art. 8, comma 4 della legge 9 maggio 1989, n. 168, ed entra in vigore il giorno successivo a quello della data di pubblicazione.

Roma, 8 marzo 2011

Il presidente: Maiani

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo di WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione /  Modifica )

Connessione a %s...

Questo sito utilizza Akismet per ridurre lo spam. Scopri come vengono elaborati i dati derivati dai commenti.