Tra breve “Tsunamometro” al largo di Catania

L’osservatorio multidisciplinare sottomarino NEMO-SN1 verrà rideposto, tra breve, sul fondale marino ad oltre 2000 metri al largo del porto di Catania per approfondire ricerche nell’ambito geofisico, oceanografico, astrofisico e biologico. NEMO-SN1 ospiterà, tra l’altro, uno “tsunamometro” in fase di sperimentazione. Tutte le attività scientifiche, svolte all’interno di progetti finanziati dalla Commissione Europea e progetti nazionali e regionali che hanno avuto inizio a partire dalla metà degli anni novanta, sono frutto delle sinergie tra diversi grandi istituti di ricerca italiani: l’INGV (Istituto Nazionale di Geofisica e Vulcanologia), l’INFN (Istituto Nazionale di Fisica Nucleare), il CNR ISMAR (Consiglio Nazionale delle Ricerche-Istituto di Scienze Marine), l’INAF (Istituto Nazionale di Astrofisica).

Presso il laboratorio dell’INFN nel Porto di Catania, Oggimedia intervista il Dott. Giorgio Riccobene, ricercatore dell’INFN di Catania.

(…continua su oggimedia.it)

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo di WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione /  Modifica )

Connessione a %s...

Questo sito utilizza Akismet per ridurre lo spam. Scopri come vengono elaborati i dati derivati dai commenti.