La scoperta più importante della fisica degli ultimi 50 anni

di Vittorio Pellegrini*
Accelerare protoni e antiprotoni gli uni contro gli altri a velocità prossime a quelle della luce. Poi “raccogliere” con certosina minuzia i frammenti di questi urti per indagare le forze fondamentali della natura. Questo è quello che fanno i fisici delle alte energie utilizzando acceleratori di particelle come il Tevatron al “Fermilab” di Chicago. I risultati hanno fino a ora permesso di verificare il modello standard, la teoria che descrive le particelle elementari, compreso il bosone di Higgs non ancora osservato, e tre delle quattro forze (gravità esclusa) della natura. Ma i fisici, per loro missione, hanno l’esigenza di tentare di falsificare le teorie che sembrano funzionare.

Questo accade raramente e forse oggi ci troviamo di fronte a uno di questi eventi, risultato di un esperimento (CDF) effettuato al Fermilab da un team di ricercatori di varie nazionalità, tra cui molti italiani appartenenti ai gruppi dell’Istituto Nazionale di Fisica Nucleare (INFN). I risultati suggeriscono l’esistenza di una nuova particella che potrebbe svelare la presenza di una sconosciuta quinta forza della natura. Per capire di più chiediamo spiegazioni a Giorgio Chiarelli, dirigente di ricerca dell’INFN, membro del team che ha riportato la scoperta e responsabile del gruppo di Pisa dell’esperimento CDF… (continua a leggere su Il Fatto Quotidiano)

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo di WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione /  Modifica )

Connessione a %s...

Questo sito utilizza Akismet per ridurre lo spam. Scopri come vengono elaborati i dati derivati dai commenti.