Repost: a proposito di missioni all’estero

In un lontano articolo del 30 gennaio 2011 (subito dopo le indiscrezioni sul decreto ministeriale che regola i massimali per le missioni all’estero dei pubblici dipendenti – naturalmente inclusi i dipendenti degli Enti di Ricerca – poi pubblicato in Gazzetta Ufficiale qualche mese dopo), notavo quale sarebbe stato uno degli aspetti meno piacevoli della nuova normativa, che peraltro perpetua la disparità sulle “vecchie” diarie:

Una cosa è -se non certa- molto probabile: ancora una volta l’approccio ciecamente burocratico porterà a disparità di trattamento e ingiustizie: indennità e tetti diversi per universitari o dipendenti degli EPR, per borsisti, assegnisti o personale strutturato, per tecnici-amministrativi piuttosto che ricercatori. Tutto il contrario, insomma, della coesione necessaria ad una comunità scientifica.

Il decreto interministeriale sta per essere emanato, staremo a vedere; speriamo non rechi sorprese ancora peggiori.

Nota: Ecco perché

Il decreto ministeriale del 1998 è la ragione per cui ai ricercatori universitari associati all’INFN veniva pagata una diaria inferiore: erano inquadrati nel gruppo D e non nel gruppo C.

E poi?

E poi – purtroppo – il decreto ministeriale è rimasto praticamente invariato, con la sua distinzione in due classi di personale, classe 1 e classe 2, con diversi trattamenti economici, chiarendo che la classe più alta va applicata al personale “dirigente o equiparato”, anche in regime di diritto pubblico (gli universitari). All’interno del nostro ente, come sappiamo, attualmente abbiamo una circolare di applicazione del decreto ministeriale che però lascia aperti molti interrogativi (v. questo e quest’altro comunicato e questa mozione del personale).

Spero sia possibile trovare una soluzione equa e che permetta a tutti – indipendentemente dal loro ruolo o livello professionale – di svolgere il proprio lavoro nei laboratori e nelle istituzioni scientifiche estere in condizioni adeguate, per esempio attraverso un nuovo disciplinare per le missioni all’estero, che soprattutto tenga conto delle nostre specificità.

2 pensieri su “Repost: a proposito di missioni all’estero

  1. ciao,
    anche se non riguarda molto questo post, vi faccio notare un’altra simpatica scelta dell’ente (forse), naturalmente a scapito dei dipendenti….
    Stamattina mi e’ stato detto dalla mia amministrazione che le missioni non ancora chiuse, ma svoltesi prima del 9 giugno, potranno essere rimborsate soltanto a pie’ di lista, anche se non ho capito in base a quale documento ufficiale. Chiaramente senza accettare costi di supermercato e residence, che sono stati oculatamente esclusi gia’ da febbraio. Per me la cosa si riflette in una perdita netta, integrata su circa 1 mese di missione, di almeno 400 euri…
    Ora , che io sappia, il decreto e’ retroattivo, quindi in teoria ci si potrebbe opporre a questo genere di “interpretazione” (che ripeto, non ho letto su alcun documento su carta INFN). Forse bisogna aspettare il regolamento del personale o qualche altro documento ufficiale, ma io nel frattempo che dovrei fare?

    • La diaria è scomparsa, giuridicamente, il 31 maggio 2010. Da quella data in poi esiste solo il pie’ di lista.
      Dalla data di emanazione del decreto ministeriale (previsto dal DL 78/2010, convertito in legge 122/2010) che doveva definire -secondo tale legge- solo i massimali per i rimborsi di pasti e albergo, esiste anche il rimborso forfettario, e dispone che questo vada chiesto in anticipo. Se non erro, il DM è entrato in vigore il 9 giugno. Da quella data esiste anche il rimborso forfettario. Le missioni tra il 31.5.2010 e il giugno 2011 non possono che essere in regime di pie’ di lista. Il DM è retroattivo nel senso che stabilisce il massimo di quanto si poteva spendere in quel periodo, e nel senso che il rimborso forfettario è possibile in realtà anche da prima che l’INFN facesse la sua circolare (a luglio), ma non prima però dell’entrata in vigore del DM.

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo di WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione /  Modifica )

Google photo

Stai commentando usando il tuo account Google. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione /  Modifica )

Connessione a %s...

Questo sito utilizza Akismet per ridurre lo spam. Scopri come vengono elaborati i dati derivati dai commenti.