Esperimento Pamela: La Terra avvolta nell’antimateria

Secondo dati raccolti grazie allo strumento Pamela (INFN e ASI) a bordo del satellite russo Resurd-Dk1, il nostro pianeta sarebbe avvolto in un guscio di antimateria. Picozza (INFN): “È la prima volta che si dimostra la presenza di antimateria intorno alla Terra”

05/08/2011 19:31

La Terra sarebbe avvolta da un guscio di antimateria: intrappolata nel nostro campo magnetico, e potenzialmente potrebbe rappresentare un’enorme fonte di energia.

È quanto si afferma in una ricerca  pubblicata su Asthrophysical Journal Letters, condotta grazie all’esperimento internazionale Pamela, coordinato dall‘Istituto Nazionale di Fisica Nucleare e condotto in collaborazione con l’Agenzia Spaziale Italiana… (continua a leggere su media.inaf.it)

Un pensiero su “Esperimento Pamela: La Terra avvolta nell’antimateria

  1. Ciao Paolo, grazie della citazione!

    Alcune piccole ma dovute precisazioni:

    Le fasce di Van Allen sono due, una interna di protoni ed una esterna di elettroni. Gli antiprotoni occupano grosso modo le stesse zone della fascia di protoni (ossia quella interna)

    La quantità di antimateria intorno alla terra è qualche nanogrammo (a questo link ci sono alcun stime: http://marco-casolino.blogspot.com/2011/08/antimateria-intorno-alla-terra-pamela-e.html
    Intorno a GIove e Saturno ce n’è di più (qualche microgrammo), ma da lì al motore dell’Enterprise ce ne corre.

    Gli antiprotoni vivono nel nostro mondo proprio come noi (mi viene da citare il “razzismo astrofisico dei buchi neri” di Vulvia/Guzzanti)

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo di WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione /  Modifica )

Connessione a %s...

Questo sito utilizza Akismet per ridurre lo spam. Scopri come vengono elaborati i dati derivati dai commenti.