Quanto mi piacerebbe fare il mio lavoro in pace…

di Franco Bagnoli

Sono un ricercatore – fisico nella facoltà di Ingegneria di Firenze – ormai vicino ai 50 anni. Mi ritrovo un’altra volta all’inizio di un anno accademico stretto tra due sentimenti contrastanti. Da una parte, la passione che mi ha fatto scegliere di entrare nell’università, e quindi fare un lavoro senza “mansionario”, senza orari e cartellini, ma con un “obbligo morale” per fare del mio meglio.

Questo ha voluto dire lavorare a volte (o spesso) anche di sabato e domenica, svolgere compiti burocratici e mansioni che non mi dovrebbero competere, ma soprattutto fare corsi, esami, assistenza tesi, ecc. senza che nessuno mi  obbligasse, solo per passione e senso di responsabilità. Ovviamente questo si applica alla maggioranza delle persone, non a tutti.

So che ci sono ricercatori che non fanno ricerca né didattica, o professori che non vanno a lezione, mandandoci magari i dottorandi, anche se io non ci ho mai avuto a che fare di persona, né come studente né come ricercatore. Sono pochi, ma bastano per dare una pessima reputazione all’università, ed è anche colpa di presidi e rettori se certi malcostumi continuano a esistere… (continua a leggere su manifesto.it)

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo di WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione /  Modifica )

Connessione a %s...

Questo sito utilizza Akismet per ridurre lo spam. Scopri come vengono elaborati i dati derivati dai commenti.