Alla ricerca della ricerca

01/11/2011 | Stefano Riela

Se l´Europa non va oltre i proclami resteremo schiacciati tra i numeri asiatici e la qualità americana. Il passaggio dall´economia industriale a quella terziaria sta riducendo la nostra intensità di ricerca.

Se da un lato l´agenda dei capi di Stato e di governo (e dei ministri economici) si infittisce per trovare, e soprattutto implementare, soluzioni per tamponare la crisi, rimane sullo sfondo il tema della competitività. Una delle sette “iniziative faro” della strategia Europa 2020 è “L´Unione dell´innovazione”; con una comunicazione che ha compiuto da poco un anno (6 ottobre 2010) la Commissione ha delineato le modalità per affrontare l´emergenza dell´innovazione. Nel frattempo, la stessa Commissione pubblica il report 2011 sulla competitività dell´Unione dell´innovazione e la strada sembra essere tutta in salita. In un´economia globalizzata, il vantaggio competitivo europeo risiede principalmente nella sua capacità di competere con prodotti ad elevato valore aggiunto. Tuttavia, la partecipazione dell´Europa alla capacità di ricerca mondiale (in termini di investimenti e di ricercatori) e ai risultati (in termini di pubblicazioni scientifiche, tecnologiche e di brevetti) sta diminuendo, sullo sfondo dell´emergere del resto del mondo e in particolare delle principali economie asiatiche… (continua a leggere su formiche.net)

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo di WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione /  Modifica )

Connessione a %s...

Questo sito utilizza Akismet per ridurre lo spam. Scopri come vengono elaborati i dati derivati dai commenti.