Nuove tempeste sull’ASI, si indaga sul viaggio per CosmoSkyMed

ROBERTO GIOVANNINI

Questa è una (nuova) brutta tegola per il vertice dell’Agenzia Spaziale Italiana. Come scrive oggi Sergio Rizzo sul “Corriere della Sera”, il 19 dicembre scorso l’ASI è stata visitata dalla Guardia di Finanza intenzionata a cercare chiarimenti sul viaggio organizzato nel novembre del 2010 per i lanci (poi rinviati) di CosmoSkyMed e dello Shuttle STS-133. Come potete leggere nell’articolo di Rizzo, tutto nasce da un’indagine della Corte dei Conti sul costo notevole di questa trasferta, 1 milione 100mila euro. In più nell’articolo Rizzo ricorda una serie di episodi e situazioni di cui questo blog ha a suo tempo o più di recente fedelmente informato i lettori: il conflitto d’interessi “originario” del presidente Enrico Saggese, i suoi rapporti politici molto stretti con settori del centrodestra, l’esagerata, strabordante presenza in ASI di personale e consulenti di Finmeccanica o legati al mondo della Difesa.

L’unica cosa che è il caso di aggiungere per completezza di informazione è che io a quel viaggio – ne scrissi sul blog e sul giornale – partecipai, invitato, insieme a numerosi altri giornalisti di tante testate. In effetti ricevemmo un trattamento davvero straordinario da parte dell’ASI e dell’organizzazione, così come non potemmo non notare una massiccia e anomala presenza di ospiti (politici, militari, personalità varie a noi sconosciute). Ovviamente ringraziamo e ringraziammo l’ASI per il gentile invito, fermo restando che un giornalista ha il dovere di operare sempre in modo indipendente e autonomo. E così abbiamo fatto: come sempre la prova sta in quanto abbiamo scritto e scriviamo. Come si dice, carta canta.

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo di WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione /  Modifica )

Connessione a %s...

Questo sito utilizza Akismet per ridurre lo spam. Scopri come vengono elaborati i dati derivati dai commenti.