Sulla fusione nucleare la scienza italiana si candida alla costruzione di Fast

Schema della macchina Tokamak FAST
Schema della macchina Tokamak FAST
Importanti contributi scientifici e tecnologici del Bel paese per Iter, il primo impianto a fusione di dimensioni paragonabili a quelle di una centrale elettrica convenzionale che produrrà 500 Mw di potenza di fusione con un guadagno di un fattore 10

Roma, 5 apr. -(Adnkronos) – In Europa è in corso la definizione di una ‘road map’ del programma europeo sulla fusione, mentre il nostro Paese deve decidere se restare ‘in partita’. Per fare il punto sullo stato del programma italiano, si è tenuto oggi all’Enea il workshop ‘La ricerca sulla fusione nucleare e le sue ricadute industriali. Un caso di successo nel panorama industriale italiano’. Il dibattito è stato incentrato sulla proposta elaborata dalla comunità scientifica italiana di realizzare in Italia un nuovo importante esperimento di fusione, denominato ‘Fast’, che mira ad affrontare problemi di fisica e tecnologia cruciali per il funzionamento del reattore a fusione… (continua a leggere su ADN Kronos)

Maggiori informazioni:

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo di WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione /  Modifica )

Google photo

Stai commentando usando il tuo account Google. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione /  Modifica )

Connessione a %s...

Questo sito utilizza Akismet per ridurre lo spam. Scopri come vengono elaborati i dati derivati dai commenti.