INFN – 2002-2012: 10 anni di Adroterapia ai Laboratori Nazionali del Sud

“Dopo 10 anni di trattamenti di clinicamente e tecnologicamente avanzati dei tumori oculari (protonterapia o adroterapia) nei Laboratori Nazionali del Sud dell’Istituto Nazionale di Fisica Nucleare, sta nascendo il Centro clinico di adroterapia di Catania presso l’Azienda ospedaliera Cannizzaro, anche grazie alla sensibilità della Regione Sicilia ” così ha dichiarato questa mattina durante l’audizione davanti la 12° Commissione permanente Igiene e Sanità del Senato, il direttore dei Laboratori Nazionali del Sud dell’Istituto Nazionale di Fisica Nucleare, Giacomo Cuttone.

L’audizione, sostenuta assieme al Direttore Generale dell’Azienda Ospedaliera Cannizzaro di Catania, dott. Francesco Poli in merito alla realizzazione di un nuovo centro clinico di Adroterapia per la cura dei tumori che troverà collocazione presso  l’ospedale catanese, frutto della positiva esperienza maturata con il centro di Adroterapia dei Laboratori Nazionali del Sud dell’Istituto Nazionale di Fisica Nucleare (CATANA) dedicato al trattamento del melanoma oculare. Una struttura che è stata la prima, e fino a pochi mesi fa, l’unica realtà clinica operante in Italia, oggi  affiancato dal CNAO di Pavia.  Il primo trattamento avvenne infatti nel febbraio del 2002 e da allora sono stati trattati con percentuali di successo vicine al 95%, circa 300 pazienti provenienti da diverse regioni d’Italia, dati ampiamente riportati nella letteratura medica. Precedentemente all’entrata in funzione di CATANA, per ottenere cure analoghe, i pazienti erano costretti ad affrontare i cosiddetti viaggi della speranza, con notevoli aggravi nel budget della spesa pubblica sanitaria. Solo in pochi altri paesi al mondo quali la Francia, Svizzera, Giappone, Inghilterra e Usa era possibile effettuare queste cure.

Il centro CATANA opera con la responsabilità clinica dell’Azienda ospedaliera Policlinico-Vittorio Emanuele di Catania ed e’ stata realizzato in collaborazione con il Dipartimento di Fisica e Astronomia dell’Universita’ di Catania ed il Centro Siciliano di Fisica Nucleare e Struttura della Materia. La precisione della tecnica di irraggiamento con fasci di protoni con una energia di 62MeV generati dal Ciclotrone Superconduttore, uno dei due acceleratori di particelle dei LNS, consente una azione ben localizzata sul tumore con il minimo danneggiamento dei tessuti sani circostanti.

(leggi anche su Le Scienze)

4 pensieri su “INFN – 2002-2012: 10 anni di Adroterapia ai Laboratori Nazionali del Sud

  1. Vedo che il sito de Le Scienze riporta pari pari il comunicato stampa INFN. Comunicato che era stato scritto in un italiano assolutamente imbarazzante, e che certamente non giova a rendere pubblici i meriti dei LNS e degli avanzamenti nell’adroterapia ivi realizzati. Non e’ possibile trovare all’interno dell’Ufficio Stampa dell’INFN qualcuno che sappia l’italiano a cui affidare la rilettura dei comunicati prima di renderli pubblici?

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo di WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione /  Modifica )

Google photo

Stai commentando usando il tuo account Google. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione /  Modifica )

Connessione a %s...

Questo sito utilizza Akismet per ridurre lo spam. Scopri come vengono elaborati i dati derivati dai commenti.