E al Sincrotrone si teme l’effetto-domino

Il laboratorio partner privilegiato di istituti a rischio. Rizzuto: ricadute dirette o indirette sull’attività

Il suo nome non compare nella lista degli enti in odore di tagli e in preda alle incertezze. Ma è come se ci fosse, specie se si dà conto delle incertezze che l’attraversano. Il Sincrotrone si profila come una delle più illustri fra le possibili vittime indirette della spending review.

Perché? Perché è legato a doppio filo, giusto per cominciare, ai destini di Area Science Park, che potrebbe perdere come detto quasi il 25% di fondi statali pro-ricerca in due anni. E fosse solo quello. Il laboratorio di luce di Basovizza, infatti, è pure partner privilegiato di due colossi nazionali della ricerca pubblica.

Uno è proprio l’Infn, l’Istituto nazionale di fisica nucleare, per il quale il decreto ad oggi parla appunto di un taglio di finanziamenti superiore, a sua volta, al 10% in due anni (24 milioni e 300mila euro in meno dal 2013 su una base di oltre 250 milioni, che scenderà già nell’anno in corso di oltre nove milioni).

L’altro è il Cnr, il Consiglio nazionale delle ricerche, i cui fondi dovrebbero dimagrire da qui al 2013 del 3,3% (16 milioni su quasi mezzo miliardo, passando per un -6 milioni nel 2012)… (continua su Il Piccolo)

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo di WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione /  Modifica )

Connessione a %s...

Questo sito utilizza Akismet per ridurre lo spam. Scopri come vengono elaborati i dati derivati dai commenti.