«Le nostre buone ragioni? Il futuro della rete»

Nulla è perduto. Di certo non l’onore. E forse neanche il resto. Pur in un quadro di forte allarmismo c’è chi – sedendo su una seggiola dal forte significato simbolico, in rappresentanza ideale e non solo del “Sistema Trieste” – prova a invertire i pensieri dal polo negativo al polo positivo, come si trattasse di un esperimento di fisica.

«Secondo me, prima di parlare di rischi, dobbiamo continuare a parlare di possibilità. Abbiamo una rete formidabile di realtà scientifiche, in questa città. Sviluppiamola, sfruttiamola. È un baluardo, in questi tempi di crisi». Parola di Andrea Vacchi, nei panni di presidente della Fit, la Fondazione internazionale Trieste per il Progresso e la libertà delle scienze, di cui fanno parte, fra gli altri, i massimi esponenti di Università, Centro di fisica teorica, Collegio del Mondo unito, Area e Sincrotrone… (continua su Il Piccolo)

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo di WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione /  Modifica )

Connessione a %s...

Questo sito utilizza Akismet per ridurre lo spam. Scopri come vengono elaborati i dati derivati dai commenti.