Chi vuole salvare la “generazione perduta”?

Andrea Mariuzzo – 30 luglio 2012

Nell’intervista rilasciata da Mario Monti di qualche giorno fa a Sette ha suscitato molta attenzione una sua frase sulla “generazione perduta” dei 30-40enni. In particolare, parole come

Le risposte corrette l’Italia avrebbe dovuto darle dieci, venti anni fa, gestendo in modo diverso la politica economica, pensando di più al futuro e un po’ meno all’immediato presente. Alcide De Gasperi diceva che il politico pensa alle prossime elezioni, mentre l’uomo di Stato pensa alle prossime generazioni. Lo sottoscrivo. Quindi la verità, purtroppo non bella da dire, è che messaggi di speranza – nel senso della trasformazione e del miglioramento del sistema – possono essere dati ai giovani che verranno tra qualche anno. Ma esiste un aspetto di “generazione perduta”, purtroppo. Si può cercare di ridurre al minimo i danni, di trovare formule compensative di appoggio, ma più che attenuare il fenomeno con parole buone, credo che chi in qualche modo partecipa alle decisioni pubbliche debba guardare alla crudezza di questo fenomeno e dire: facciamo il possibile per limitare i danni alla “generazione perduta”, ma soprattutto impegniamoci seriamente a non ripetere gli errori del passato, a non crearne altre, di “generazioni perdute”.

hanno suscitato reazioni pienamente giustificate come quelle di Matteo Pascoletti, il quale si sente di chiedere al presidente del Consiglio risposte decisamente più incisive per un problema politico, quello della garanzia di prospettive certe di lavoro e carriera a una parte cospicua della cittadinanza, su cui in pratica si è deciso di soprassedere.

Leggi il resto: http://www.linkiesta.it/blogs/mente-fredda/chi-vuole-salvare-la-generazione-perduta#ixzz22C5TKSnD

2 pensieri su “Chi vuole salvare la “generazione perduta”?

  1. ho letto anche l’altro blog… reputo che la cura proposta sia peggio della malattia! è comunque difficile trovare una soluzione… dalle mie parti si direbbe “ll’è buriana!” ps: ho 29 anni.

  2. La risposta è: Nessuno!
    Hanno valutato che conviene buttare via il “superfluo” e ricominciare!
    Grazie!

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo di WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione /  Modifica )

Connessione a %s...

Questo sito utilizza Akismet per ridurre lo spam. Scopri come vengono elaborati i dati derivati dai commenti.