No allo Stato di giustizia

La sentenza dell’Aquila e il rischio di criminalizzazione indiscriminata

No allo Stato di giustizia

Non vi sono dubbi che una valutazione compiuta su una sentenza possa essere espressa solo dopo averne letta la motivazione e sarà forse vero che ogni sentenza deve essere rispettata. Ma le prospettive aperte dalla decisione con cui alcuni componenti della Commissione grandi rischi sono stati condannati per omicidio colposo per non aver adeguatamente informato la popolazione dell’Aquila dell’imminente terremoto di due anni fa sono talmente gravi da imporre alcune osservazioni qui e ora. È in gioco, infatti, lo Stato di diritto nel nostro Paese, e il “posto” della magistratura nell’ordinamento costituzionale. Dalla decisione (dal suo semplice dispositivo) emergono infatti alcuni fattori per nulla isolati nella vita della giurisdizione in Italia. Il primo riguarda la dilatazione senza limiti della sfera della giustizia penale, che assorbe qualsiasi altro tipo di controllo…

continua a leggere su Avvenire

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo di WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione /  Modifica )

Connessione a %s...

Questo sito utilizza Akismet per ridurre lo spam. Scopri come vengono elaborati i dati derivati dai commenti.