Ricercatori, contratti in scadenza. Serve proroga

da Conquiste del Lavoro

Ricercatori, contratti in scadenza. Serve proroga

“E’ necessario prorogare, al più presto, i contratti in scadenza del personale. Senza segnali positivi questa settimana tanti ricercatori precari corrono il rischio di perdere posto”. Questo l’intervento di Giuseppe De Biase, segretario generale della Fir Cisl, sulla difficile vertenza dei precari nel comparto della Ricerca pubblica.

Negli Enti il numero delle unità di personale con contratto a termine ha assunto dimensione rilevante e preoccupante. Entità  causata dal reiterato blocco delle assunzioni che ha reso necessario il ricorso ad assunzioni di personale con contratto a tempo determinato,
piuttosto che con impropri contratti di collaborazione, quando non si è trattato di assegni di
ricerca. E il contratto a termine è stato lo strumento al quale gli Enti hanno fatto ricorso per
rispondere ai propri compiti istituzionali.
“Dovrebbe essere evidente per tutti, – spiega De Biase – che senza il Personale precario si fermano gli Enti, si ferma la possibilità di continuare ad acquisire risorse sul mercato, si ferma la Ricerca. Il problema ha avuto un ulteriore elemento di difficoltà a seguito dall’esito dei ricorsi legali
che puntavano alla stabilizzazione, che non è stata ottenuta, ma ha prodotto una situazione a macchia di leopardo considerato che ad alcuni ricorrenti il giudice del lavoro ha assegnato un risarcimento, peraltro di importo diverso”.

Da qui al 31 dicembre 2012 molti precari corrono il rischio di perdere il posto di lavoro.
“La gravità e l’entità del problema impongono che sia urgentemente definito, tra il Dipartimento della Funzione Pubblicae i sindacati, un accordo politico che, in attesa di una seria e coerente politica per le assunzioni, elimini ogni alibi ed offra a tutti gli Enti gli strumenti idonei per rinnovare i contratti in scadenza del Personale precario e impegni le Amministrazioni”.

(26 novembre 2012)

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo di WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione /  Modifica )

Google photo

Stai commentando usando il tuo account Google. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione /  Modifica )

Connessione a %s...

Questo sito utilizza Akismet per ridurre lo spam. Scopri come vengono elaborati i dati derivati dai commenti.