Nuovi bandi PRIN e FIRB

Il Ministero dell’Istruzione, Università e Ricerca ha pubblicato i bandi PRIN e FIRB:

PRIN 2012

Molto evidente il calo di risorse che dai 100 milioni di Euro per il PRIN 2009 e 175 (87,5 milioni/anno)per il biennio 2010 e 2011, passa a 38 milioni, così suddivisi:

– 15,3 milioni per Life Sciences (LS)

– 15,3 milioni per Phisical and Engineering sciences (PE)

– 7,7 milioni per Social sciences and Humanities (SH)

Tra le novità del bando PRIN si può notare l’introduzione dei settori e sotto-settori ERC (European Research Council) in luogo delle aree CUN, e la suddivisione in tre aree di intervento, di nuovo mutuate dai bandi ERC:

– linea d’intervento A (PRIN starting – giovani ricercatori) – riservata a PI che hanno conseguito il dottorato da non più di 7 anni;

– linea d’intervento B (PRIN consolidator) – riservata a PI che hanno conseguito il dottorato da più di 7 e non più di 12 anni;

– linea di invervento C (PRIN advanced) – riservata a PI che hanno conseguito il dottorato da più di 12 anni.

FIRB 2013 

Le linee di intervento in questo caso sono solo due:

– linea d’intervento 1 (starting) – riservata a giovani ricercatori che hanno conseguito il dottorato da più di 2 e non più di 7 anni;

– linea d’intervento 2 (consolidator) – riservata a giovani ricercatori che hanno conseguito il dottorato da più di 5 e non più di 10 anni, con un’esperienza post-doctoral almeno triennale.

Ogni giovane ricercatore può partecipare a un solo progetto di ricerca e a una sola unità operativa. Sono esclusi dalla partecipazione al presente bando, a qualunque titolo, tutti coloro che risultino inseriti in gruppi di ricerca finanziati Il Ministro dell’Istruzione, dell’Università e della Ricerca nei due precedenti bandi “Futuro in Ricerca”.

Sono ammissibili proposte di tipo misto (cioè con coordinatori di linea 1 e responsabili di linea 2 e viceversa), fermo restando che la riserva delle risorse è riferita alla linea d’intervento del coordinatore di progetto.

Il finanziamento previsto è di circa 30 milioni di euro così suddivisi:

– LS: 11,8 milioni

– PE: 11,8 milioni

– SH: 5,9 milioni

La valutazione dei progetti è suddivisa in tre distinte fasi:

– Preselezione sulla base di una proposta sintetica, da inviare – esclusivamente per via telematica al MIUR – entro le ore 14 del 4 febbraio 2013. La valutazione, da parte di revisori anonimi sorteggiati dalla banca dati degli esperti MIUR, dovrà avvenire entro il 12 aprile 2013;

– Valutazione dei progetti dettagliati, da presentarsi a cura del coordinatore entro le ore 17 del 7 giugno 2013, da parte dei Comitati di Selezione (nominati entro il 28 febbraio dal Ministero su designazione da parte del Comitato Nazionale dei Garanti della Ricerca): la valutazione, espressa in “classi di giudizio”, dovrà essere formulata entro il 15 settembre 2013;

– Audizioni dei coordinatori ammessi al colloquio (per una quantità di progetti pari al doppio delle risorse disponibili): entro e non oltre il 27 ottobre 2013 ogni Comitato di Selezione trasmette al Ministerola graduatoria dei progetti con i relativi punteggi.

Non è più prevista, dunque, la preselezione a livello locale.

 

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo di WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione /  Modifica )

Connessione a %s...

Questo sito utilizza Akismet per ridurre lo spam. Scopri come vengono elaborati i dati derivati dai commenti.