Bilancio UE: luci e ombre per la ricerca

In attesa di conoscere i dettagli, segnali non univoci sul compromesso raggiunto dal Consiglio sul bilancio dell’Unione Europea fino al 2020:

ERASMUS – La nuova bozza parla anche di un generico e non quantificato aumento di fondi per l’Erasmus. Secondo il testo “visto il particolare contributo agli obiettivi della strategia Europa 2020, il finanziamento per Horizon 2020 (programma di ricerca e innovazione dell’Ue, ndr) e per tutti i programmi Erasmus, avrà una crescita reale rispetto ai livelli del 2013″.

RICERCA, COMPETITIVITÀ COESIONE E INFRASTRUTTURE – I tagli a ricerca, competitività, fondi di coesione e programmi di investimenti per le infrastrutture (compresi Galileo e Iter) e reti transeuropee (Tlc, trasporti energia) del ‘Connecting Europe Facility’) sono di 14 miliardi, il totale di questo capitolo passa da 139,543 miliardi di euro a 125,694 miliardi. I fondi per la ‘Connecting Europe Facility’ vengono ridotti ulteriormente da 41,249 miliardi a 29,299 miliardi (di cui 10 miliardi verranno da un trasferimento dal Fondo di Coesione). Nonostante ciò rimane un aumento del 40% rispetto al bilancio 2007-2013. Nel sottoparagrafo sui programmi di coesione, i finanziamenti vengono aumentati di 4,6 miliardi (da 320,148 a 324,777 miliardi). Queste cifre comprendono sia il programma per la disoccupazione giovanile che stanziamenti aggiuntivi per i paesi che sono stati più colpiti dalla crisi.

articolo completo su eunews.it

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo di WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione /  Modifica )

Connessione a %s...

Questo sito utilizza Akismet per ridurre lo spam. Scopri come vengono elaborati i dati derivati dai commenti.