Agenda digitale, sono venti le scadenze mancate: il rapporto della Camera

Il dipartimento Trasporti pubblica i risultati di un monitoraggio su tutti i provvedimenti previsti (linee guida, decreti attuativi, regole tecniche): tanti sono ufficialmente in ritardo, essendo già scaduti i termini di legge

di Alessandro Longo

Una buona quota dei provvedimenti dell’Agenda Digitale- venti, per l’esattezza- sono ufficialmente in ritardo, poiché sono già scaduti i termini di legge previsti nei decreti legge 83/2012 e 179/2012. La denuncia è in un dossier pubblicato dal Servizio Studi del Dipartimento Trasporti alla Camera.

Si sapeva che l’Agenda digitale era in ritardo su tanti fronti, gli esperti e gli addetti ai lavori lo stanno dicendo da settimane, ma adesso questo dossier suona come una presa d’atto ufficiale. Il fronte dei ritardi è variegato: riguardano l’Agenzia per l’Italia Digitale, la banda larga, la Sanità digitale, l’anagrafe unica della popolazione, i pagamenti elettronici, il sostegno ai contenuti digitali, le smart cities, la trasparenza e l’accessibilità dei lavori parlamentari… continua su Corriere Comunicazioni

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo di WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione /  Modifica )

Google photo

Stai commentando usando il tuo account Google. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione /  Modifica )

Connessione a %s...

Questo sito utilizza Akismet per ridurre lo spam. Scopri come vengono elaborati i dati derivati dai commenti.