Carrozza: presto il nuovo Piano Nazionale della Ricerca.

Fonte: Firenze Post

«Gli scienziati devono essere consultati nelle scelte politiche»

Carrozza: «Il 16 luglio piano nazionale della ricerca»

di Redazione – mercoledì, 03 luglio 2013 18:01 – Cronaca

Il ministro della Pubblica Istruzione, Università e Ricerca Maria Chiara Carrozza

Il ministro della Pubblica Istruzione, Università e Ricerca Maria Chiara Carrozza

SIENA – «Lo stato di salute del settore della ricerca in Italia lo analizzeremo il 16 luglio con la presentazione della valutazione a livello nazionale, uno sforzo collettivo che ha misurato le capacità di ricerca di tutti gli enti pubblici del settore e delle università». Lo ha annunciato il ministro dell’Istruzione Maria Chiara Carrozza, oggi a Siena, parlando a margine di una conferenza alla Certosa di Pontignano.

«Stiamo predisponendo il piano nazionale della ricerca -ha aggiunto il ministro- in cui parleremo delle scelte fondamentali in questo settore per il nostro Paese. Gli scienziati devono essere consultati nelle scelte politiche specie per i temi attinenti il riscaldamento globale, le strategie energetiche, o anche quelle nel campo dei trasporti».

Carrozza ha ricordato che in vista dell’Expo 2015 «stiamo lanciando delle sfide globali. Ci saranno dei concorsi su temi importanti come il riscaldamento del pianeta che coinvolgeranno studenti, insegnanti e ricercatori per trovare soluzioni, per misurarsi su sfide portando all’attenzione pubblica queste tematiche».

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo di WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione /  Modifica )

Google photo

Stai commentando usando il tuo account Google. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione /  Modifica )

Connessione a %s...

Questo sito utilizza Akismet per ridurre lo spam. Scopri come vengono elaborati i dati derivati dai commenti.