Conferenza nazionale sulle servitù militari: da limitazione ad opportunità

Fonte: Ministero della Difesa

Roma –

Comunicato del:   19 giugno 2014 –  Roma

Conferenza nazionale sulle servitù militari: da limitazione ad opportunità

Il 18 e 19 giugno si è tenuta a Roma la 2a Conferenza Nazionale sulle Servitù Militari voluta dal Ministro della Difesa Roberta Pinotti.

“Questa Conferenza è stata l’occasione per aprire un dialogo costruttivo e attivare nuove forme di collaborazioni che vogliamo durino nel tempo”, ha detto il Ministro Pinotti a margine della Conferenza. “Il tavolo di confronto aperto oggi è importante in quanto solo le Regioni sono in grado di interloquire con tutte le realtà locali. Ognuna ha infatti proprie peculiarità e bisogni, spesso diversi tra loro. E’ anche grazie al loro contributo che intendiamo mettere a punto strumenti normativi in grado di armonizzare le esigenze della Difesa del Paese con le legittime aspettative locali”.

Al centro della Conferenza, la valorizzazione del rapporto tra le aree addestrative delle Forze armate italiane e le comunità locali.

La Conferenza, infatti, ha rappresentato un momento importante di analisi e di sintesi dell’impatto reale delle servitù militari sul territorio e l’occasione per aprire ad un più efficace confronto programmatico.
Il confronto è stato articolato su cinque panel di discussione: situazione, opportunità di crescita, tutela dell’ambiente, rapporto servitù e territorio e, infine, servitù e ricerca.
Grazie allo studio e alla condivisione di dati, sarà ora possibile pervenire ad una mappatura chiara delle zone di cui la Difesa ha bisogno  per il necessario addestramento delle Forze armate. Laddove possibile sono ipotizzate anche soluzioni di co-gestione con le comunità locali.

Al contrario, con un principio analogo a quello messo a punto per la dismissione degli immobili e in linea con il processo di revisione dello strumento militare, le aree ritenute non indispensabili all’esercizio saranno riconsegnate al territorio.

Tra i punti trattati, anche lo snellimento delle procedure per l’erogazione degli indennizzi, la valorizzazione dei Comitati Misti Paritetici, con particolare riferimento alla tematica dei Siti di Importanza Comunitaria (SIC).

L’iniziativa è stata l’occasione per evidenziare la necessità per il Paese di mantenere elevato il livello di addestramento e di efficacia delle Forze armate italiane, utile  alla difesa della sovranità nazionale e agli impegni internazionali cui siamo chiamati a dare il nostro contributo per la pace e la stabilità.

Questa primaria esigenza va però coniugata con la sensibilità, la tutela, la salvaguardia dell’ambiente e del territorio circostante.

Al termine dei lavori è stato firmato un documento di intenti tra il Ministro della Difesa, Sen. Roberta Pinotti e il Presidente Debora Serracchiani, in rappresentanza della Conferenza delle Regioni. Inoltre, sono stati firmati due protocolli di intesa tra l’On.le Domenico Rossi, Sottosegretario di Stato alla Difesa, e i Presidenti delle regioni Friuli Venezia Giulia e Puglia, Debora Serracchiani e Nichi Vendola.

Alla conferenza su invito del ministro hanno partecipato il Ministro dell’ambiente, Gian Luca Galletti, i rappresentanti dei Ministeri dell’Istruzione, dell’Università e della Ricerca e dello Sviluppo Economico. Presenti il Presidente della regione Sardegna Francesco Pigliaru, alcuni componenti delle commissioni Difesa della Camera e del Senato, nonché rappresentanti, civili e militari, dei rispettivi Dicasteri ed enti locali.

Lascia un commento

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...