Lettera di un dipendente ENEA

Riceviamo e pubblichiamo:

COMUNICAZIONE INTERNA

Egr. Avv. Fabio Vecchi

Direttore UCP

Sede Centrale Enea

Con la presente il sottoscritto Scialpi Arturo matr.77234 fa presente che non intende rispondere alla domanda di partecipazione del bando di concorso per il passaggio giuridico dal V al IV livello degli EPR, ex art.54. Questa decisione è irrevocabile e scaturisce da una mia ferma volontà e consapevolezza. Mi preme, però, farle conoscere i motivi di questa mia decisione.

1)    Sulla mia persona si sono formati dei gravi pregiudizi personali, a causa delle mie reiterate richieste per il rispetto delle regole e della trasparenza che in Enea sono di fatto inesistenti. Tali pregiudizi, insieme ad un contesto ambientale inquinato come questo e di aperta ostilità nei miei confronti, non consentono di poter esprimere un autonomo giudizio di merito circa il lavoro da me svolto e una corretta valutazione oggettiva delle proprie competenze ed esperienze lavorative, fin qui accumulate.

2)    le procedure, i criteri e le modalità, messe in atto dall’Enea per l’operazione di avanzamento di carriera non rispecchiano affatto i principi di equità, di trasparenza, di chiarezza e di imparzialità, pregiudicando così il corretto proseguimento e il buon esito dell’operazione stessa. E la conseguente circolare N. 254/UCP del 26 giugno scorso, all.1, così disarticolata, astrusa e confusa è la prova evidente di quanto da me sostenuto.

3) Nella Commissione esaminatrice, se resta la stessa delle progressioni orizzontali, esiste almeno un caso di conflitto d’interesse. Infatti, un membro effettivo di tale Commissione è in organico all’Unità Centrale del Personale. Un altro caso di conflitto d’interesse è riscontrabile all’interno del Comitato dei Garanti, proprio nella sua persona, Avv. Vecchi, visto che attualmente svolge le funzioni di Direttore del Personale.

4)    La mia lettera di diffida, datata il 14/02/2014, e non protocollata, visti i precedenti accaduti, in cui si chiedevano informazioni sulla metodologia utilizzata per i calcoli riguardanti il tempo di permanenza nel mio livello e la temporizzazione del mio assegno ad personam, non ha avuto alcun seguito.

Anche questa mia comunicazione non viene protocollata, visti i precedenti accaduti.

Buon lavoro e cordiali saluti

In fede

Casaccia, 3 luglio2014

5 pensieri su “Lettera di un dipendente ENEA

    • Il sistema di protocollo è un specie di registrazione con un numero progressivo di un qualunque atto in entrata o in uscita della P.A, affinchè rimanga traccia. Ho avuto dei seri problemi su 2 mie precedenti richieste interne. Una volta applicato il numero di protocollo sono scoppiati e senza voler esagerare degli “incidenti diplomatici”. In una di queste richieste, addirittura c’è stato il tentativo, poi fallito, per l’abuso che avrebbe comportato, di volerlo cancellare.

  1. Cari colleghi iscritti al blog,

    desidero raccontarvi, per capire meglio, perchè non ho chiesto i numeri di protocollo sia per la lettera di diffida che per la comunicazione interna. Intanto vi informo che l’Enea è probabilmente l’unico Ente pubblico a non avere l’URP dove di solito esiste un protocollo generale. Dunque, tempo fa e in due momenti diversi, io feci 2 richieste all’Enea. In una chiedevo una sanatoria per una situazione di forte sperequazione di molti colleghi, incluso me. In un’altra e a tutela dell’interesse pubblico chiesi un accesso agli atti di un concorso pubblico per n.2 dirigenti. Inizialmente, i due numeri di protocollo mi furono dati, senza alcuna difficoltà dalla segretaria che voglio ribadire ha fatto solo il suo dovere d’ufficio. Ma una volta che i destinatari ricevettero le mie due richieste sono scoppiati dei veri e propri “incidenti diplomatici”. E tali, vi garantisco, da fare venire a me dei forti mal di testa con momenti al cardiopalma e da parte di capi, capetti e sotto-capi con conseguenti “bacchettate” alla povera segretaria di altissima agitazione. Sulla richiesta di accesso agli atti mi dissero addirittura in un primo momento che il numero di protocollo sarebbe stato cancellato. Ma dopo aver capito che stavano per commettere un abuso, hanno desistito dalla scellerata impresa. Ma l’Enea, non sì è persa d’animo, e si è rifatta subito dopo. Infatti, le due mie legittime richieste sono rimaste lettera morta, in una parola cestinate.Insomma quei pregiudizi e le forti ostilità nei miei confronti nascono dall’aver esercitato un mio preciso dovere di chiedere semplicemente il rispetto delle regole e della trasparenza che in Enea sono praticamente inesistenti, come ho scritto. Tutto qui!!

Lascia un commento

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...