Il lato oscuro dell’Università: vita, speranze e delusioni dei ricercatori precari

Una complessa ricerca incrociata sull’universo dei “non assunti”. Solo pochissimi possono fare ricerca pura, spesso sono dei jolly indispensabili per il funzionamento degli atenei, alla fine l’assunzione arriva per un misero 6,7%. E nella vita privata…

di CINZIA GUBBINI

Quanti sono i ricercatori precari nelle università italiane? Quanti anni hanno, da quali percorsi provengono? E ancora: quali aspettative hanno sul loro futuro? E, infine, tutti i precari sono uguali? La voglia di indagare in profondità il “lato oscuro” degli atenei italiani forse non poteva venire che a loro: i cosiddetti “precari della conoscenza”. Non a caso l’indagine che per la prima volta cerca di incrociare i dati quantitativi e qualitativi sulle molte figure che compongono il mosaico dei “non assunti”  –  realizzata per conto della Cgil Flc e che verrà integralmente pubblicata a ottobre  –  si chiama “Ricercarsi” e porta la firma di cinque ricercatori, quasi tutti precari…

continua su repubblica.it

Lascia un commento

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...