La lenta morte per soffocamento degli enti di ricerca: taglio brutale nella legge di stabilità

Nella legge di stabilità compare, ben nascosto nelle tabelle “predisposte dai tecnici del MEF” – come si legge spesso nelle cronache – un taglio violento al bilancio degli enti di ricerca (vigilati dal Ministero dell’Istruzione, Università e Ricerca).

Si tratta di 200 milioni di euro nel 2016, che passano a 220 nel 2017 e 180 nel 2018, che vanno a incidere sulla missione “fondi da ripartire” del MIUR. Giova ricordare che tra questi c’è il FOE, il fondo ordinario con cui vengono distribuiti i finanziamenti agli enti di ricerca come CNR, INAF, INFN, INGV. Non è chiaro in che proporzione verranno colpiti questi bilanci, ma sicuramente non è una buona notizia.

stab

Il FOE ha infatti già perso centinaia di milioni di euro (rivalutato per l’inflazione) negli ultimi 15 anni e che si avvicina oramai a permettere solo il pagamento degli stipendi del personale. Ogni taglio ulteriore sui bilanci complessivi corrisponderebbe a un taglio ben maggiore sulla quota libera per la ricerca.

FOE-2002-2013

Si tratterebbe di un taglio ancora più sconcertante se lo si mette a confronto (come fa il preciso elenco allegato alla legge di stabilità) con quello riservato agli altri Ministeri.

riepilogo

Tutto questo nel più assordante dei silenzi del ministro competente, che continua – invece – a annunciare miliardi di euro nel Piano Nazionale della Ricerca e migliaia di assunzioni di ricercatori.

Se così fosse, agli Enti di Ricerca non resterebbero neanche i fondi necessari a pagare tutti gli stipendi.

4 pensieri su “La lenta morte per soffocamento degli enti di ricerca: taglio brutale nella legge di stabilità

  1. E l’annunciata fusione INFN-INAF che avrebbe fatto risparmiare senza diminuire i fondi di ricerca ma magari migliorando le sinergie dov’e’ finita?

  2. Pingback: Crash - Ocasapiens - Blog - Repubblica.it

  3. Pingback: Legge di stabilità e tagli alla ricerca

  4. Questi dati sono impressionanti e ci confermano in modo chiaro che il processo di decostruzione dello stato sociale continua in modo incessante e ineluttabile. Può essere istruttivo comparare le cifre di queste tabelle ai costi che lo Stato affronta in materia di spese militari [oltre 80 milioni di euro AL GIORNO per ausiliare gli USA nelle loro missioni di “pace”] e al costo degli interessi sul debito pubblico [oltre 200 milioni di euro AL GIORNO, pagati alle banche a tassi di un ordine di grandezza sopra a quelli che la BCE esige da loro]

Lascia un commento

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...