PON Ricerca e Competitivita’ 2007-2013 – risultati dei bandi MIUR

Alla chiusura della programmazione dei fondi Ue 2007-2013, è tempo di bilanci sui bandi attivati dal MIUR a valere sul PON R&C

Ricerca

Il PON R&C 2007-2013

Il Programma Operativo Nazionale (PON) Ricerca e Competitività 2007-2013, cofinanziato con risorse del Fondo europeo di sviluppo regionale (FESR) e con risorse nazionali, è stato istituito per promuovere la ricerca e l’innovazione nelle Regioni dell’obiettivo Convergenza (Calabria, Campania, Puglia e Sicilia).

Si tratta di un Programma a governance condivisa tra il Ministero dell’Istruzione, dell’Università e della Ricerca e il Ministero dello Sviluppo economico, con l’intento di favorire l’integrazione fra le politiche legate allo sviluppo tecnologico e quelle relative all’innovazione industriale.

Le risorse del PON R&C 2007-2013

La dotazione iniziale del PON R&C di 6 miliardi e 205,4 milioni di euro, per la metà assicurata dal cofinanziamento Ue, è stata portata nel 2012 a 4 miliardi e 424,3 milioni in seguito alla scelta dell’Italia di rimodulare i Programmi operativi per sostenere con risorse nazionali il Piano Azione e Coesione. Il contributo finanziario europeo, pari a 3 miliardi e 102 milioni di euro, è rimasto invariato.

Per quanto riguarda la distribuzione delle risorse, la maggior parte dei fondi (57,8%) è andata all’Asse I dedicato al ‘Sostegno ai mutamenti strutturali e al rafforzamento del potenziale scientifico-tecnologico per la transizione all’economia della conoscenza‘.

A seguire si colloca l’Asse II, per il ‘Rafforzamento del contesto innovativo e sviluppo della competitività‘, con il 38,5% dei fondi, e infine l’Asse III, per le attività di ‘Assistenza tecnica e accompagnamento alla gestione del Programma‘, con il 3,7% delle risorse.

Bandi attivati dal MIUR

Sul sito del PON R&C i dati sull’avanzamento della spesa certificata per quanto riguarda la quota MIUR non sono attendibili perché fermi al marzo 2014. Se si va al dettaglio degli interventi attivati, però, l’ultimo aggiornamento risale al 31 ottobre 2015 ed è possibile tratteggiare un primo quadro dei risultati ottenuti con i principali bandi, cioè:

  • Ricerca Industriale,
  • Distretti ad Alta Tecnologia e Laboratori Pubblico-Privati,
  • Potenziamento Strutturale,
  • Smart Cities and Communities e Social innovation.

Bando PON R&C Ricerca industriale

Partito con una dotazione di 465 milioni, poi integrata con ulteriori 535 milioni, il bando era rivolto a imprese, centri di ricerca e parchi scientifici e tecnologici, e finanziava progetti di ricerca industriale e attività non preponderanti di sviluppo sperimentale, nonché i correlati progetti di formazione di ricercatori e/o tecnici di ricerca.

Per accelerare il raggiungimento degli obiettivi di spesa previsti dal PON R&C, nel 2011 il MIUR ha deciso di incrementare la dotazione finanziaria a disposizione dall’invito di ulteriori 535 milioni di euro, portandola a un totale di un miliardo di euro. Risorse che hanno permesso di finanziare 162 progetti di ricerca industriale, con relative azioni di formazione.

In particolare, a fronte di una spesa di oltre 1,5 miliardi di euro, il contributo del PON R&C ha superato i 980 milioni, di cui però solo 649 milioni di euro al 31 ottobre 2015 risultavano effettivamente erogati.

A queste risorse pubbliche si è aggiunto il contributo del Piano Azione e Coesione, pari a 10,9 milioni, di cui 8,6 milioni già pagati ai beneficiari.

Bando PON R&C Distretti ad alta tecnologia e Laboratori pubblico-privati

Due le linee di intervento dell’avviso da 915 milioni di euro: la prima, da 389 milioni, dedicata allo sviluppo e al potenziamento di Distretti ad alta tecnologia e di Laboratori pubblico/privati già esistenti; la seconda, con risorse per 526 milioni, diretta a finanziare la creazione di nuovi Distretti e Aggregazioni pubblico-private.

In tutto i progetti ammessi sono stati 184, cofinanziati con 677,5 milioni dal PON R&C – ma il totale pagato appare fermo a 274,9 milioni – e con 164,5 milioni dal Piano Azione e Coesione, di cui solo 7 milioni risultavano erogati al 31 ottobre 2015.

Bando PON R&C Potenziamento Strutturale

La dotazione dell’avviso per il potenziamento delle infrastrutture scientifico-tecnologichee delle attrezzature degli organismi scientifici pubblici localizzati nell’area Convergenza era inizialmente pari a 400 milioni di euro.

Dopo l’istruttoria delle domande, lo stanziamento è stato incrementato con 250 milioni per finanziare un maggior numero di domande. I progetti infrastrutturali delle Università e degli Enti Pubblici di Ricerca ammessi sono stati 50, per una spesa complessiva di 715,8 milioni.

Al contributo PON da circa 650 milioni, erogato nella misura di 541 milioni di euro, va sommato quello a valere su risorse del Piano Azione e Coesione, pari a 52 milioni, di cui alla data del 31 ottobre 2015 oltre 42 milioni risultavano pagati ai beneficiari.

Bando PON R&C Bando Smart cities and communities and Social innovation

L’ultimo bando prevedeva una dotazione di oltre 200 milioni per le città e le comunità intelligenti e di 40 milioni per l’innovazione sociale e non deve essere confuso con il successivo avviso, da 655,5 milioni, a valere sul Fondo per le agevolazioni alla ricerca (FAR), attivato dal MIUR per promuovere progetti di Smart cities e Social innovation anche nelle Regioni escluse dal PON R&C.

Quanto al bando PON R&C, per le Smart cities erano previste due linee di intervento, la prima dedicata alle Azioni integrate per la società dell’informazione, dalla Smart mobility al MIUCloud computing per l’eGovernment, la seconda sulle Azioni integrate per lo sviluppo sostenibile, dalle Smart grid alle Low carbon technologies.

A fronte delle 106 proposte pervenute, sono stati finanziati, con circa 190 milioni di euro, otto progetti di città e comunità intelligenti, di cui quattro riferiti all’Azione integrata per la società dell’informazione e quattro riferiti a quella per lo sviluppo sostenibile.

Le risorse erogate, al 31 ottobre 2015, risultavano ferme a quota 117,4 milioni.

progetti di innovazione sociale finanziati, invece, sono stati 56, a fronte di 188 domande pervenute.

Le risorse per le soluzioni innovative a problematiche sociali in ambito urbano risultano però impegnate a valere sul Piano Azione e Coesione e non sul PON R&C. Su circa 40 milioni di contributo pubblico, i finanziamenti erogati ammontavano, al 31 ottobre 2015, a 34,3 milioni.

Il nuovo PON Ricerca e Innovazione 2014-2020

Nell’ambito della nuova programmazione dei fondi europei il MIUR gestisce un Programma operativo nazionale interamente dedicato al sostegno della ricerca e dell’innovazione.

Il PON R&I 2014-2020 dispone di risorse per oltre 1,2 miliardi di euro ed è cofinanziato sia con risorse FESR che del Fondo sociale europeo (FSE). Si tratta infatti di un Programma che mira a coniugare gli investimenti in ricerca, sviluppo tecnologico e innovazione, con quelli per la formazione e la capacità istituzionale e amministrativa.

Le azioni, quindi, spazieranno in diversi campi, dai dottorati innovativi ai cluster, dalleinfrastrutture di ricerca agli Open data nella PA.

L’altra novità è rappresentata dall’ampliamento del campo d’azione: non solo Basilicata, Campania, Calabria, Puglia, Sicilia, ma anche Abruzzo, Molise e Sardegna, classificate come Regioni in transizione, potranno accedere ai finanziamenti.

Lascia un commento

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...