[Reblog]: Come si uccide l’università italiana

Il progetto di distruzione dell’Università e della ricerca scientifica italiana, tenacemente perseguito dai governi Berlusconi e Renzi nel corso degli ultimi dieci anni, comincia a dare i suoi frutti. Un sistema ampio e complesso come quello dell’istruzione terziaria di una intera nazione ha una sua inerzia e anche se strangolato non muore subito: si affloscia lentamente fino a diventare il simulacro di se stesso. Gli edifici, le aule, i Rettorati per il momento stanno ancora in piedi e un turista ignaro potrebbe avere l’impressione che l’Università italiana stia più o meno nelle stesse condizioni in cui stava dieci o vent’anni fa. All’interno degli edifici, però, dove la ricerca e la didattica si fanno (o si dovrebbero fare) davvero, la situazione è in caduta libera…

continua su blog di Andrea Belelli

Lascia un commento

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...