Lettera unitaria sulla polizza sanitaria per i dipendenti INFN

Data: 20 gennaio 2011

Al Presidente INFN
Prof. R. Petronzio

p.c. All’Avv. E. Bovo

p.c. Al Dr. L. De Donno

Oggetto: Polizza Sanitaria Unisalute

dopo l’incontro dedicato dello scorso dicembre, le scriventi OO.SS. avevano ricevuto delle aperture dalla compagnia Unisalute ottenute anche grazie alla intermediazione dell’Amministrazione. I termini delle possibili migliorie evidenziati durante l’assemblea del 21/12/2010 erano:

1. Correzione dei paradossi relativi all’iscrizione di familiari a carico o non a carico. Da quanto emerso, la compagnia si è detta disposta ad applicare comunque il premio minore nei casi nei quali essere non a carico risulta paradossalmente più conveniente.

2. Possibilità di avere prestazioni di pronto soccorso all’estero in regime rimborsabile. La compagnia ha evidenziato, verbalmente, che l’ufficio legale ha approvato la rimborsabilità di dette operazioni, ospedaliere ma senza ricovero.

3. Possibilità di iscrivere figli di coppie divorziate o separate e affidati al coniuge non dipendente, ma fiscalmente a carico del dipendente per almeno il 50% delle spese. La compagnia ha mostrato apertura su questo punto.

4. Possibilità di considerare il coniuge sempre come familiare a carico. Anche su questo punto si era raccolta una disponibilità verbale da Unisalute.

Riteniamo veramente grave che, a distanza di 2 mesi, un giorno prima della scadenza fissata per la pre-iscrizione dei familiari a carico, NESSUNO dei  punti di cui sopra si sia concretizzato. Riteniamo che, al termine di un iter del tutto criticabile, con una gara che non ha di fatto tenuto in alcun conto quanto discusso con le OO.SS. al tavolo tecnico, questa sia la (in)degna conclusione.

Stigmatizziamo come non solo in alcuni casi i premi siano più che raddoppiati, ma come anche le condizioni della copertura siano di fatto invariate rispetto all’offerta originaria. Riteniamo inaccettabile questa conclusione, frutto di questa nuova fase per la quale non ascoltare o, peggio, far finta di ascoltare le richieste dei lavoratori sembra lo sport più in voga. Le scriventi OO.SS. reagiranno con tutti i mezzi previsti dall’attuale legislazione per manifestare il proprio dissenso.

Le scriventi OO.SS. chiedono un incontro urgente con il  Presidente per capire quali sono i motivi che hanno portato a questo pessimo risultato e perché, nonostante le rassicurazioni e le certezze fornite dai dirigenti della Unisalute per risolvere le più chiare e paradossali contraddizioni  presenti nella polizza, non si sia riusciti a risolverne nessuna. Richiediamo un incontro urgente con il Presidente per chiedere un nuovo e più incisivo intervento in tal senso.

ANPRI
Antonio Passeri

FLC CGIL
Ernesto Filoni

CIR CISL
Giuseppe Carinci

UIL PA UR
Alberto Cecchinelli

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo di WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione /  Modifica )

Connessione a %s...

Questo sito utilizza Akismet per ridurre lo spam. Scopri come vengono elaborati i dati derivati dai commenti.