Università e ricerca, ecco le prime tesi e idee del programma M5S

Lorenzo Bernardi Un sistema universitario omogeneo sul territorio nazionale, magari con meno eccellenze ma mediamente più efficiente, con una diversa governance degli atenei e un nuovo sistema di finanziamento. Queste le proposte che stanno prendendo forma sulla piattaforma Rousseau, dove i sostenitori del Movimento 5 Stelle stanno votando le priorità del programma in vista delle…

“La politica come la fisica: semplificare le cose complesse”, parla Anna Grassellino

Fonte: http://www.unita.tv/interviste/la-politica-come-la-fisica-semplificare-le-cose-complesse-parla-anna-grassellino/ #Democratica Carla Attianese @carlattian 26 luglio 2017 La nuova responsabile dem del dipartimento italiani all’estero: “Io sono assolutamente favorevole all’idea di spostarsi, anche perché nella ricerca scientifica muoversi è cruciale” Ciò che mi ha aiutato ad andare avanti, nella vita come nella carriera di fisica, è stato provare a rendere semplici, e dunque…

L’urgenza di un’agenzia della ricerca

Fonte: La Stampa ELENA CATTANEO Caro direttore, nel nostro Paese la ricerca non è mai stata una priorità e ciò ha causato gravissime disfunzioni al sistema. Gli impegni di premier e ministri non si sono mai concretizzati in un riordino del sistema della ricerca pubblica, né in un ripensamento del modello di erogazione dei fondi…

Lettera aperta alla ministra Fedeli sul precariato del rappresentante dei ricercatori (del CNR)

Signora Ministra, i governi di questa legislatura hanno proceduto alla più ampia stabilizzazione del personale precario della Pubblica Amministrazione dai tempi della prima Repubblica. Si è trattato evidentemente di un approccio sistemico, guidato dall’idea che il funzionamento corretto della Pubblica Amministrazione richieda personale adeguatamente qualificato e che questa qualificazione possa essere ottenuta soltanto dando alle…

[Reblog]: IIT, caos “tesoretto”. Cattaneo: “Vicina a baronie nomina vertici istituto”

da: CorriereUniv Continua la caccia al “tesoretto” dell’Istituto Italiano di Tecnologia (IIT) protagonista di un’emendamento alla manovra oggi in votazione alla Camera, poi ritirato su pressioni del governo, che avrebbe destinato 415 milioni alla ricerca. La somma dell’istituto dovrebbe essere depositata in un conto di Banca d’Italia, ma la stessa sua esistenza è ritenuta dubbia.…

Una parte delle risorse dell’Iit per finanziare progetti nazionali

Genova – L’assalto al presunto “tesoretto” dell’Istituto italiano di tecnologia – da giorni preso di mira da un gruppo eterogeneo di parlamentari a colpi di emendamenti – ha convinto il governo a muoversi. Valeria Fedeli e Pier Carlo Padoan, i ministri all’Istruzione e all’Economia che vigilano sull’Iit, hanno raggiunto ieri sera un compromesso: l’Istituto cederà…