Una valanga di numeri

L’università italiana sta per essere sommersa da una valanga di numeri. Partirà infatti tra breve l’esercizio di Valutazione della Qualità della Ricerca (VQR) condotto dall’ANVUR il cui prodotto finale sarà una classifica delle università e degli enti di ricerca; e circolano da qualche settimana le bozze del decreto ministeriale per la valutazione dei candidati nei concorsi universitari.

Sia il VQR che il decreto ministeriale riflettono la speranza del Ministro e di molti consiglieri e commentatori che la obiettività delle statistiche bibliometriche riescano a scardinare le baronie che hanno ingessato l’università e la ricerca italiana votandole al declino… (continua a leggere su Il Sole 24 Ore)

2 pensieri su “Una valanga di numeri

  1. Si dice che l’INFN prenderà una stangata tremenda da questa valutazione… Le grandi collaborazioni dei gruppi 1 e 2, in particolare, dovrebbero infatti risultare poco produttive secondo i criteri dell’ANVUR…

    • Posso tranquillamente smentire. La percentuale di ricercatori che non soddisfa quanto richiesto dal bando VQR dovrebbe essere molto bassa. Questo per quanto riguarda le 6 pubblicazioni nel settennio. Sulla qualità, una frazione verrà analizzata con metodi bibliometrici, e una frazione dai panel (che ora si chiamano GEV), e non ritengo che la qualità delle pubblicazioni delle grandi collaborazioni sia bassa, tuttaltro. Certo, il meccanismo non favorisce, in assoluto, le grandi collaborazioni, ma “stangata” mi sembra un allarme ingiustificato.

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo di WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione /  Modifica )

Google photo

Stai commentando usando il tuo account Google. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione /  Modifica )

Connessione a %s...

Questo sito utilizza Akismet per ridurre lo spam. Scopri come vengono elaborati i dati derivati dai commenti.